Blog

Guggulsteroni e Forskolina dimagrimento e Performance “verde”…

Male anatomy of human organs in x-ray view

Quando ho iniziato a scrivere questi articoli sugli integratori per il mio nuovo blog mi sono promesso di non parlare in generale delle reazioni umane ad un tipo di azione. Il mio obiettivo è assolutamente studiare e discutere delle reazioni specifiche di un atleta in relazione all’azione X dell’integratore in discussione.

Detto questo una perfetta funzione tiroidea è fondamentale per tutti ma ancora di più per un atleta, perché mentre per un comune mortale questa condizione è fondamentale per una questione di salute, nell’atleta oltre a questo c’è una vera e propria questione di performance che viene interamente gestita dalla cascata ormonale dettata dalla tiroide.
(A proposito diffidate sempre di un Coach che non vi ha chiesto delle analisi del sangue complete prima di inviarvi una preparazione. Non tiene a voi, ma solo al vostro pagamento ad inizio mese e vi allenerà come qualsiasi altro atleta senza badare alla vostre reali esigenze ormonali.)
Non entrerò nello specifico, trattando minuziosamente fisiologia ed endocrinologia, poiché l’obiettivo dell’articolo è presentarvi due eccezionali integratori che funzionano benissimo sul dimagrimento, il mantenimento e/o ripristino delle normali funzioni tiroidee e il mantenimento della massa magra anche in diete molto rigide. Ma è appunto importante dare un veloce riassunto per comprendere meglio proprio il perché è molto interessante l’utilizzo di questi integratori.
Tra le tante funzioni gli ormoni tiroidei governano il ritmo metabolico del corpo, quindi il metabolismo di assimilazione e l’eventuale utilizzo o deposito dei macronutrienti assunti dalla dieta o stoccati nel nostro corpo. Questa funzione rende gli ormoni tiroidei una sorta di veri e propri “ormoni anabolizzanti” perché il nostro ritmo metabolico determina se il cibo che assumiamo lo utilizzeremo a scopo energetico o lo depositeremo sotto forma di tessuto adiposo, se lo useremo per la sintesi proteica o sotto forma termogenica.
Passando da un estremo all’altro: livelli molto bassi di ormoni tiroidei circolanti produrranno un incremento delle riserve di grasso, ma anche un rallentamento dell’assimilazione e metabolizzazione dei nutrienti oltre a tutt’una serie di problematiche fisiologiche ben note.
Livelli troppo alti produrranno catabolismo muscolare e un ciclo di feedback negativo con un pericoloso effetto rebound.
Ma livelli ottimali (alti ma ottimali) di ormoni tiroidei circolanti produrranno il rilascio delle riserve di grasso, velocizzando la trasformazione dei trigliceridi in energia pronta all’uso, il che permette un dimagrimento maggiore ma anche alle cellule una migliore e più veloce ipertrofia e iperplasia; creano un clima termogenico ideale; aumentano il ritmo del metabolismo che da un lato aiuta il dimagrimento e dall’altro permette al corpo di utilizzare in maniera maggiore e migliore gli alimenti introdotti.
Pensate che vantaggi possono riscontrare gli atleti sia da un punto di vista anabolico sia anti-catabolico attraverso il controllo ottimale della cascata tiroidea.
Purtroppo questi importanti vantaggi che un perfetto meccanismo ormonale tiroideo funzionante, attivo e pimpante porta agli atleti è il motivo per cui si è commesso il grande errore di pensare di controllarlo attraverso l’utilizzo dei farmaci e della somministrazione esogena di ormoni tiroidei.
Per questi motivi oggi gli ormoni esogeni tiroidei sono tra i medicinali più utilizzati, di nascosto, nel mondo dello sport.
Molti atleti hanno un reale bisogno di assumere in maniera esogena gli ormoni tiroidei (purtroppo disfunzioni ormonali tiroidee sono per molteplici motivi di varia natura in enorme aumento, principalmente tra le donne) e a questi consiglio, in seguito ad analisi del sangue, ecografia tiroidea e visita endocrinologica, di farsi seguire dal miglior endocrinologo della propria città, ma assolutamente di non seguire il ricettario del personal trainer di turno.
Ho deciso di scrivere questo articolo perché purtroppo ho visto tanti atleti massacrati da questo gioco perverso indotto da preparatori senza cultura e senza morale. Ho conosciuto troppe atlete Bikini (e questo è veramente folle e ridicolo) che assumevano senza motivazione clinica e di conseguenza senza un reale bisogno 150microgrammi di Eutirox o di Ibsa al giorno e che in seguito alla inutile terapia ormonale indotta hanno avuto enormi, a volte irreversibili, problemi (e in quei casi “puff” il preparatore sedicente spariva di colpo) alla tiroide con conseguente aumento enorme di peso e rallentamento del metabolismo fuori controllo e soprattutto una dipendenza a vita dai medicinali. Tutto questo a causa di preparatori incoscienti e tanta superficialità da parte degli stessi atleti.
Moltissimi preparatori senza uno studio approfondito alle spalle (ovvero che tu sia un BB di 130kg o una bikini di 50kg… bene o male ti sparo un 4/5 pillole, poi vedi tu…e non dimenticare l’efedrina e il clenbuterolo) utilizzano medicinali come Eutirox e Ibsa sui loro atleti senza avergli prima controllato i valori attraverso le analisi, senza avere una cultura o un supporto specialistico, il problema, come dico sempre, non è il farmaco ma chi lo utilizza che spesso è ignorante e presuntuoso.
Se non c’è un reale bisogno di aumentare i livelli ormonali tiroidei in seguito a terapia esogena, se si supereranno i livelli fisiologici di troppo e per troppo tempo, il corpo darà vita a un feedback negativo. Ovvero il corpo inizierà lentamente a diminuire la produzione endogena di quegli ormoni che vengono presi in maniera esogena. Questo può essere un fenomeno temporaneo o come spesso accade quando si esagera, in special modo con la tiroide, permanente.
Per questo motivo parlerò di due prodotti naturali che (stranamente, perché i prodotti naturali difficilmente funzionano nella realtà) funzionano molto bene, e sono estremamente sicuri e vi spiego il perché.
Coleus Forskohlii (Forskolina) è una pianta utilizzata in medicina ayurvedica e cinese da molti secoli inizialmente per abbassare la pressione sanguigna e in seguito per tutti i vantaggi che pian piano si scoprivano, di cui ora abbiamo scientificamente certezza.
La parte della pianta di cui necessitiamo per i nostri interessi è una molecola al suo interno chiamata Forskolina.
La Forskolina attiva il capo enzima Adenilato Ciclasi che a sua volta aumenta la concentrazione intracellulare di Adenosina monofosfato ciclico (cAMP). Oltre a una serie di importantissime azioni positive (Effetto inotropo positivo, Riduzione dell’infiammazione, Riduzione della pressione sanguigna, Broncodilatazione, Atiagglomerazione piastrinica, Rilassamento delle arterie e dei muscoli lisci e Azione antiglaucoma) L’utilizzo di Forskolina aumenta la funzionalità degli ormoni tiroidei e del ritmo metabolico, stimola un significativo aumento della lipolisi, stimola un aumento della secrezione di insulina (che favorisce può favorire il trasporto dei macronutrienti nel tessuto cellulare muscolare), è un forte antiossidante, aumenta la secrezione di alcuni fattori digestivi e migliora la modulazione della secrezione degli acidi biliari. Inoltre l’aumento del cAMP aumenta fortemente la funzione termogenica del nostro corpo azione fondamentale per il dimagrimento.
Tutti questi fattori sono fondamentali per tutti gli atleti per la perdita del peso e il mantenimento della massa muscolare oltre che di un ottimo stato di salute.Riassumendo la Forskolina grazie alle sue azioni di aumento della funzione tiroidea, lipolisi e termogenica e il miglioramento della secrezione biliare e della digestione promuove la perdita di massa grassa. Contemporaneamente grazie all’aumento del ritmo metabolico, dell’assimilazione dei macronutrienti, della liberazione mirata di insulina, e della fosfarilazione muscolare produce il mantenimento della massa magra e l’anabolismo.
Commiphera Mukul (Guggulsteroni) è una pianta utilizzata in medicina ayurvedica e cinese da molti secoli. in campo medico è diventata importante sicuramente per la sua funziona naturale come ipolipemizzante dimostrata oramai scientificamente, riduce il livello di colesterolo LDL e trigliceridi mentre aumenta la quota di HDL. Inoltre ha avuto ottimi risultati contro l’acne avendo una forte azione depurativa, antinfiammatoria e come antiaggregante. La parte che maggiormente interessa a noi atleti e la concentrazione di Guggulsteroni al suo interno poichè si è potuto riscontrare un azione riequilibrante e di attivazione degli ormoni tiroidei veramente molto interessante.
Entrambi i prodotti hanno dimostrato scientificamente di riattivare il ritmo metabolico stimolando naturalmente gli ormoni tiroidei partendo dal TSH. Non si può pensare di sostituire la terapia ormonale medica con un prodotto comunque erboristico ma vi assicuro che facendone un buon uso riuscirete a ripristinare o a mantenere il massimo dei vostri valori fisiologici di ormoni tiroidei. Ho provato su me stesso e su moltissimi atleti entrambi i composti erboristici e sempre con eccezionali risultati.
Oltre a tutte le specifiche dei due prodotti già citate, reputo molto importante la loro integrazione per gli sportivi poiché la maggior parte degli atleti durante la preparazione alle competizioni segue diete rigidissime, ma veramente così rigide che la maggior parte dei lettori non atleti non può immaginare neanche. Dopo tre, massimo quattro settimane di dieta ferrea il corpo inizia ad abbassare il metabolismo basale per risparmiare calorie e la sua prima azione è ridurre la produzione endogena di ormoni tiroidei poiché sono loro a gestire il ritmo alto metabolico.
Proprio in questa fase la Forskolina e i Guggulsteroni sono due prodotti eccezionali poiché riescono a ristabilire il normale ritmo metabolico e la regolare produzione di ormoni tiroidei senza rischio di cadere nella soppressione da feedback negativo del TSH.
Inoltre personalmente consiglio l’assunzione di Forskolina e/o Guggulsteroni vivamente come sostegno nei cicli di uscita da terapia esogena di ormoni tiroidei. Converrebbe iniziare ad assumere una o entrambe le sostanze due, tre settimane prima della chiusura del ciclo di terapia ormonale indotta e continuare per minimo 6 settimane successive l’ultima assunzione chimica.
Dosaggi: il vero problema (oltre al prezzo non proprio economicissimo rispetto a un normale Eutirox) è trovare un prodotto titolato al 10-20%. Molte marche di integratori inseriscono, per vantarsi, tra i loro componenti le due erbe ma i dosaggi all’interno sono così basse e titolati in maniera così insulsa da non poter dare assolutamente risultati. Le dosi consigliate sono tra i 140 e i 250mg di prodotto puro titolato al 10% per la forskolina (attenzione vi conviene partire dalla dose più bassa..non esistono effetti collaterali dalla forskolina tranne uno…alcune persone hanno riscontrato diarrea e non è carino) mentre per i Guggulsteroni i migliori risultati si ottengono con dosaggi tra i 60 e gli 80mg sempre di estratto puro ovviamente. Sempre divisi in due o tre volte al giorno.
Comunque non acquistate Forskolina o Guggulsteroni dove non è specificato sull’etichetta la quantità per cps di prodotto puro e la titolazione.
Entrambi i prodotti vanno molto d’accordo con qualsiasi eccitante o combinati tra loro. Ma vi do il mio personale parere. Io non condivido e sconsiglio sempre i termogenici stimolanti classici, quindi il mio consiglio può essere solamente quello di assumerli singolarmente o in bland tra loro, anche se dal mio punto di vista l’ideale e ciclizzarli in mondo da non assuefarsi. Alternando Forskolina e guggulsteroni ogni 2,3 mesi.
Potrete ottenere i migliori risultati senz gli effetti collaterali noiosi dei temogenici classici e soprattutto dei medicinali (dove non ce ne sia un reale bisogno).